Lingua | Language | Sprachen | Langue

La Selfica è un campo di ricerca empirica sviluppato attraverso le sperimentazioni condotte dai damanhuriani.
Nel campo del benessere psico-fisico in nessun caso, l'uso della Selfica è sostitutiva di cure mediche.

Login Registrati

Fai il login

La Pittura Selfica

painting-01Un campo di ricerca collegato alla selfica è quello della 'pittura selfica' di Oberto Airaudi. In questo caso, energie 'intelligenti' vengono veicolate attraverso forme bidimensionali basate sul segno e sul colore. Nei dipinti selfici i metalli utilizzati dalla selfica "classica" vengono tradotti in colore e le tre dimensioni in due.

I quadri selfici si mantengono attivi attraverso la luce e l'attenzione di chi li osserva. I colori, le forme e i segni sono vivi, animati e in costante trasformazione. Essi proiettano segnali e informazioni nell'ambiente circostante e verso i fruitori. Le chiavi di lettura sono date dall'esatta combinazione tra la forma e il titolo, che arricchisce con la poesia della parola quella dell'immagine.

Quasi tutti i dipinti selfici hanno la caratteristica di assumere aspetti diversi se visti con luci differenti, per esempio quella naturale e quella ultravioletta, in modo che a frequenze luminose differenti corrispondano diversi significati del quadro. Più quadri selfici uno accanto all'altro hanno un effetto diverso rispetto al quadro singolo, perché vivono in simbiosi e ognuno si incastra con l'altro. I dipinti selfici, infatti, hanno un'aura proporzionale alla loro ampiezza.

I quadri selfici chiamano lo spettatore a intervenire direttamente nella lettura e nell'interpretazione dell'opera, attraverso l'esperienza razionale e sensoriale e con lo spettatore interagiscono, provocando sogni, permettendo nuove comprensioni e risvegliando potenzialità sopite.

banner-niatel

banner-dh

banner-orocrea